Rimini, muore per un aneurisma: medico condannato

 

La donna, 64 anni, si era presentata in pronto soccorso con un fortissimo mal di testa, venendo dimessa: un mese dopo la tragedia

                                                       IL RESTO DEL CARLINO 11 SETTEMBRE 2021

Nel novembre del 2014 si era presentata in pronto soccorso, all’ospedale Infermi di Rimini, con un fortissimo mal di testa.

Un dolore lancinante, accompagnato da rumori all’interno dell’orecchio. Quella cefalea in realtà non era altro che un aneurisma celebrale, non diagnosticato dai sanitari che l’avevano presa in cura.

Un mese dopo la donna, Maria Faetanini, era stata colpita da un’emorragia. sottoposta a un disperato intervento, non si era più ripresa, morendo l’11 aprile del 2015. Nei giorni scorsi il Giudice monocratico del Tribunale di Rimini ha condannato a otto mesi (pena sospesa) il neurologo dell’ospedale Infermi, che l’aveva visitata in occasione del suo primo accesso in pronto soccorso.

I familiari della defunta, assistiti dall’Avv. Cristian Brighi, sono sempre stati convinti che la tragedia potesse essere evitata. Per questo motivo, subito dopo la scomparsa della 64enne, avevano deciso di fare causa. L’aneurisma poteva essere diagnosticato con un’analisi di secondo livello: questa la tesi sostenuta durante il processo dai parenti e dal loro legale. Tesi a cui la difesa si era opposta sostenendo invece che nulla, nemmeno un’analisi più approfondita, avrebbe potuto impedire la morte. Ora il procedimento proseguirà in sede civile con la richiesta del risarcimento avanzata dai familiari. Non è escluso che il professionista, difeso dall’Avv. Leonardo Bernardini, presenti ricorso.

Un mal di testa lancinante

Siamo a fine novembre 2014 quando la donna si presenta al pronto soccorso. Da qualche giorno è affetta da un mal di testa che non le dà tregua: in più avverte anche degli strani rumori all’orecchio. Quando viene visitata la signora fa presente al personale tutti i suoi problemi: viene visitata anche dal neurologo, che la sottopone a una Tac, senza contrasto però. La donna e i familiari vengono rincuorati: “E’ solo un mal di testa”, si sentono rispondere. La signora viene rimandata a casa, ma il mal di testa, nonostante gli antidolorifici prescritti non passa. Passa un mese e il 27 dicembre, la signora si ripresenta al pronto soccorso dell’ospedale Infermi. La cefalea non l’abbandona. Anche in questa occasione si trova difronte lo stesso neurologo che l’ha visitata un mese prima. stavolta non la sottopone a una Tac immediata, ma gliela prescrive per due giorni dopo, ossia per il lunedì successivo. La donna torna a casa e la domenica arriva il dramma. viene colpita da un’aneurisma celebrale che provoca un’emorragia. La signora si accascia tra le braccia del figlio.

L.M.

Rimini, quasi cieco alla guida investì due donne: assolto ma revocata la patente

TGCOM24

27 APRILE 201912:35

Rimini, quasi cieco alla guida investì due donne: assolto ma revocata la patente

Parla una delle vittime: “Mi chiedo come sia stato possibile dare la patente ad una persona che non ci vede.

Un ragazzo di 23 anni, quasi cieco, che ha investito con l’auto e ferito in modo non grave due donne nel gennaio del 2017 a Riccione, è stato assolto in primo grado perché “il fatto non costituisce reato”. La vicenda, riportata da alcuni quotidiani locali, riguarda Marco Di Nicola, residente nel Riminese, mandato a processo dalla Procura di Rimini per aver causato l’incidente stradale, per essersi allontanato dal luogo omettendo il soccorso e per lesioni.

Il pm ne aveva chiesto la condanna a 8 mesi, in rito abbreviato. In aula davanti al gup, l’avvocato difensore Cristian Brighi ha però dimostrato, certificati medici aggiornati alla mano, che il 23enne soffre di una patologia degenerativa, la retinite pigmentosa, che ne limita la visuale periferica. L’automobilista vede solo all’8,5% e le donne investite, che sono sorelle, avevano appena finito di attraversare la strada, trovandosi quindi a lato della vettura e fuori dal suo campo visivo. Inoltre il danno conseguente alle lesioni delle investite, una delle donne aveva avuto uno prognosi di 30 giorni e l’altra aveva solo graffi superficiali, non è stato fatto valere in sede penale, per mancanza di querela nei termini. In seguito all’incidente, del quale una volta informato dell’accaduto si era dichiarato l’autore, al giovane era stata ritirata la patente è ora è stata revocata in via definitiva.

“Ho sempre avuto problemi alla vista, soffro di una patologia genetica, la retinite pigmentosa, il mio bisnonno è diventato cieco”, spiega il giovane al Resto del Carlino. ”Nel gennaio di due anni fa ho scoperto di aver avuto un incidente stradale. L’ho scoperto perché una mattina sono arrivati a casa mia i vigili urbani. Sono venuti ad informarmi che l’auto, una Kia Picanto rossa, intestata a mia madre, aveva avuto un incidente stradale a Riccione. Sono caduto dalle nuvole; l’autovettura non presentava alcun danno, niente di niente. Prima hanno interrogato mia madre e poi è toccato a me”. Marco Di Nicola ha ammesso di utilizzare l’auto rossa della madre ogni giorno per recarsi al lavoro. “Io ho subito specificato agli agenti di non essermi accorto di nulla e ho immediatamente fatto presente di aver seri problemi di vista”, ha sottolineato. “Ho il visus molto ridotto. Mi è preso un colpo quando mi è stato detto che ero indagato non solo per aver provocato l’incidente, ma soprattutto per omissione di soccorso. Era diventata una questione penale ed io mi sono terrorizzato, avevo la coscienza a posto, non sapevo di aver provocato un incidente”. E conclude: “Ho un’invalidità all’ottanta per cento e sono iscritto alle liste di collocamento delle categorie protette”.

Maria Paola Canali, una delle donne investite, allo stesso quotidiano ci tiene a raccontare la situazione in cui si trova attualmente la sorella: “Isabella si è rotta una gamba durante quell’impatto e continua a zoppicare. I medici non le hanno assicurato che tornerà come prima, potrebbe non guarire completamente”. Ma in tutto questo, le due donne non portano rancore nei confronti del giovane: “Non abbiamo nessuna intenzione di infierire su quel ragazzo”, spiega Maria Paola. “Ripeto, non vogliamo fare del male a nessuno. Ci penserà l’assicurazione a risarcire i danni. Ma quello che continuo a domandarmi è come sia stato possibile che a una persona con quella patologia, uno insomma che ci vede poco, abbiano potuto dare la patente. Era un bel rischio guidare la macchina nelle sue condizioni”.